Parliamo di Made in Italy ma tira più un aperitivo che una visita culturale

Tira di più un aperitivo o un giro al centro commerciale che una visita a un museo, a un sito archeologico o ad un luogo di culto? Se così fosse, siamo messi male. Perché, quando parliamo di “Made in Italy” da difendere, dovremmo ripartire da questo. Dovremmo essere noi italiani, in primis, a riscoprire questo patrimonio storico-culturale. Qui non esiste contraffazione che tenga: ci possono imitare un vestito o un piatto di pasta, ma i nostri monumenti no. Da questa emergenza avremmo dovuto uscire migliori di come eravamo prima. Non sia frainteso il messaggio: andarsi a fare un aperitivo o un giro tra le vetrine di un centro commerciale non è sbagliato. Ci mancherebbe. Però vedere le resse nel post Covid nelle piazze italiane della movida e poi vedere il deserto nel cuore del centro storico-culturale di una città come Roma ha fatto un certo effetto. La domanda se tiri più un aperitivo o un museo mi è sorta spontanea dopo una giornata trascorsa in giro per le meraviglie di Roma. Due in particolare: la Basilica di San Pietro e il Parco archeologico di Ostia Antica. La passeggiata è avvenuta sabato 13 giugno: si ricorda che il sito di Ostia Antica è riaperto dal 2 giugno. Si ricorda altresì che l’ingresso a San Pietro è gratuito: qui non c’è neanche la scusa del prezzo del biglietto. Tra un aperitivo e un centro commerciale, troviamo anche il tempo per una visita culturale.

Un appello a italiani e romani (soprattutto) a non abbandonare i luoghi d'arte, di storia e di cultura della Capitale ora che sono riaperti. Se siamo noi i primi a non supportare di nuovo la nostra storia e cultura, con la nostra presenza fisica, non possiamo pretendere che siano gli altri a farlo, ora che il turismo internazionale è ancora fermo o comunque non ai ritmi abituali. Tra un centro commerciale e un aperitivo troviamo anche il tempo per l'arte e la cultura. Saluti da Ostia Antica.

Pubblicato da Simone Sperduto su Sabato 13 giugno 2020

Author: Simone Sperduto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *