Comitato Tricolore Italiani nel Mondo in difesa di Cristoforo Colombo

Gli atti vandalici consumati in varie parti del mondo, ai danni di sculture o monumenti dedicati a personaggi storici, non hanno risparmiato neanche Cristoforo Colombo negli Stati Uniti. In difesa delle statue dedicate a Colombo si è mobilitato il Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo (Ctim), come riportato dal loro magazine ufficiale “Prima di tutto Italiani”. Una delegazione composta dal Presidente del Ctim, Vincenzo Arcobelli e dal responsabile territoriale Carlo Vaniglia, si è recata all’Arrigo Park di Chicago: qui la delegazione ha trovato la statua di Colombo coperta e vigilata.

“Nell’occasione i rappresentanti del Ctim hanno incontrato i leader che raggruppano le associazioni italo-americane di Chicago, con l’obiettivo di avviare un coordinamento unico contro un altro imminente attacco, da parte di due consiglieri comunali, che vorrebbero far rimuovere la colonna storica di Italo Balbo, modificare il nome di ‘Balbo drive’ e addirittura anche quello di ‘Columbia drive'”.

“L’obiettivo di queste azioni del Ctim – si legge nella nota riportata sul magazine del Comitato – vuole essere quello di fermare questa sciatta e provocatoria deriva che si sta sviluppando contro i simboli italiani, nella consapevolezza che non possono certo essere la storia e i suoi interpreti i capri espiatori di violenza gratuita e di una dolosa delegittimazione sociale”.

Il Ctim ha ricordato anche la presa di posizione forte, da parte del Presidente Trump, contro gli atti vandalici: dalla Casa Bianca è stato infatti annunciato un ordine esecutivo che prevede la possibilità di incarcerazione per chi, negli Stati Uniti, abbatta o danneggi statue. La linea dura adottata da Trump è finalizzata proprio a “proteggere monumenti, memoriali e statue, e combattere la recente violenza criminale di chi ne ha abbattute o danneggiate alcune”, riporta in conclusione il magazine del Ctim.

fonte immagini: “Prima di tutto Italiani”, magazine del Ctim

Author: Simone Sperduto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *