Village Celimontana, gli appuntamenti dal 31 agosto al 6 settembre

Prosegue la programmazione del Village Celimontana a Roma, la kermesse musicale che fa parte della rassegna Romarama 2020. Tutti gli eventi del Village Celimontana (Villa Celimontana-Roma) si svolgeranno in linea con le regole di sicurezza anti-Covid. Pertanto verranno mantenute le giuste distanze in modo da garantire una corretta fruizione degli eventi. L’ingresso è libero e l’inizio degli spettacoli è fissato alle 22. Lunedì 31 agosto l’appuntamento è con Emanuele Urso e il Sestetto Swing di Roma. Emanuele Urso “the King of Swing” riporta sul palco, dal tempio del jazz tradizionale romano, il grande Sestetto di Roma. Questa formazione, la preferita di Benny Goodman, ci regalerà tutte le sfumature dello swing con le sonorità moderne del vibrafono e della chitarra elettrica. Emanuele Urso è il protagonista e il mattatore delle notti swing di Roma. Tra l’omaggio a Benny Goodman e Gene Krupa, Emanuele Urso è un fantastico batterista, un raffinato clarinettista e un direttore d’orchestra eccellente, in grado di ricreare perfettamente, in uno sforzo filologico non comune, le atmosfere della swing era e delle dance hall degli anni ’40. Gli arrangiamenti originali di Benny Goodman, Glenn Miller e Fletcher Henderson sono studiati, e ristudiati e poi riproposti in un concerto dal vivo che prima di essere un vero e proprio show sembra aprire una porta spazio-temporale per rituffarci direttamente nel periodo forse più brillante ed entusiasmante del ‘900. Line-up: Emanuele Urso, clarinetto/batteria; Claudio Piselli, vibrafono; Adriano Urso, pianoforte; Stefano Napoli, contrabbasso; Lorenzo Soriano, tromba; Clara Simonoviez, voce. Martedì 1 settembre l’appuntamento è con Swing Swing Swing – Francesca Faro Swing Quartet. Miss Francesca Faro e il suo Quartetto, composto da Flavio Pasquetto alla chitarra, Paride Furzi al contrabbasso ed Alberto Botta alla batteria, proporranno un repertorio Swing che va dagli anni ’30 agli anni ’40. Sarà un viaggio negli anni d’oro del Jazz, quando lo Swing, le grandi orchestre e le voci delle dive e dei crooner erano i protagonisti indiscussi, non solo del jet set americano, ma della scena musicale internazionale. Il Quartetto proporrà brani di Peggy Lee, Anita O’Day, Martha Tilton, Hellen Forrest, June Christy, cantanti molto amate da Francesca Faro che negli anni ha selezionato alcuni dei loro successi per creare un repertorio di brani ballabili e da ascolto per tutti i “Lindy Hoppers ” e non solo. Mercoledì 2 settembre l’appuntamento è con Max Maglione per “La Casa di Peter Pan”. Max Maglione torna in scena al Village Celimontana insieme alla sua band con uno spettacolo intitolato “Covid Qua Covid Là” che racconta come siamo cambiati in questi ultimi tre mesi di Pandemia: una serata a sostegno dell’Associazione Peter Pan Onlus. Massimo Maglione, detto Max, nasce a Napoli ed è consulente, imprenditore, studioso di scienza della comunicazione e formazione, team builder e psicologo aziendale. Il suo motto è “nella vita non basta essere qualcuno per qualcosa ma bisogna essere qualcosa per qualcuno”. La sua passione è la musica: attraverso di essa esprime la sua natura vivace e fantasiosa e, con il suo senso d’arte infinito, dà una voce interpretativa all’anima cantando e suonando pianoforte e chitarra senza aver mai avuto metodo e studio. Grazie a questa sua capacità è in grado di affascinare le platee di tutti i suoi spettacoli, che finiscono sempre con un pubblico che canta e tanti applausi. Difatti sono ormai quattro anni che porta in scena, prima in altre location, e ora al Teatro Golden, spettacoli scritti e interpretati da lui, supportato da sua sorella Giulia, da suo figlio Mattia e da tanti personaggi teatrali, che riconoscono in lui un’anima artistica appassionata e coinvolgente. Tutti gli spettacoli di Max Maglione, socio dell’associazione Peter Pan di Roma, sono a sostegno della missione stessa. La Casa di Peter Pan assiste bambini malati di cancro per tutto il periodo delle loro cure insieme ai loro genitori: www.peterpanonlus.it. Max Maglione racconta la vita, le storie, le abitudini di noi Italiani, mettendo alla berlina il come eravamo e come siamo oggi attraverso sketch e tanta musica live degli anni 70/80 ripercorrendo straordinari momenti insieme al pubblico che si ritrova ad interagire con l’artista e diventando parte integrante dello spettacolo. Max Maglione ha consolidato più di 50.000 spettatori paganti e vanta ben 108 show, 27 interventi televisivi e 51 interviste radio. Line up: Max Maglione, chitarra e voce; Francesco Calogiuri, batteria; Luigi Mas, tastiere; Stefano Scoarughi, basso; Stefano Zaccagnini, chitarra. Giovedì 3 settembre l’appuntamento è con Cristiana Polegri che in quartetto presenta l’omaggio a Gene Kelly, un viaggio attraverso le canzoni cantate e ballate nei film interpretati da questa meravigliosa star di Hollywood. Cristiana, cantante e sassofonista, spinta dalla sua grandissima passione per questo indimenticabile artista, porta in scena canzoni, immagini, balletti, aneddoti legati alla sua figura. Ad accompagnarla in questo omaggio 3 splendidi musicisti, ovvero: Silvia Manco al piano e voce, Francesco Puglisi al contrabbasso e Giovanni Campanella alla batteria. Venerdì 4 settembre è ancora la volta di Emanuele Urso “the King of Swing” e la sua orchestra. Line-up: Emanuele Urso, clarinetto e batteria; Lorenzo Soriano, tromba; Patrizio Destriere, sassofono; Adriano Urso, pianoforte; Fabrizio Guarino, chitarra; Stefano Napoli, contrabbasso; Luca Ingletti, batteria; Clara Simonoviez, voce. Sabato 5 settembre l’appuntamento è con “Voyage” di Jean-Sébastien Simonoviez. Il quartetto di Jean-Sébastien Simonoviez, polistrumentista, compositore e arrangiatore francese, sarà alle prese con composizioni originali che prendono spunto dagli innumerevoli viaggi del musicista francese nella sua lunga carriera artistica. Non mancheranno, inoltre, standard ripresi dalla grande tradizione jazz arrangiati in chiave moderna. Jean-Sébastien Simonoviez ha suonato con i più grandi musicisti internazionali tra cui Steve Swallow e Steve Grossman. Domenica 6 settembre (ore 12) brunch “storia e musica” con Stefano Reali: George Gershwin e Cole Porter. Musica, storie, aneddoti e tanti racconti con al centro grandi artisti, personaggi e le grandi epoche della storia del jazz e non solo. Ogni domenica a partire dalle ore 12 sotto il parasole del Village Celimontana prenderanno piede i brunch musicali, un appuntamento a metà tra concerto e narrazione per rivivere la storia e per ascoltare la musica che l’ha raccontata nel tempo. Ad alternarsi su questo palcoscenico in veste di oratori e musicisti ci saranno Lino Patruno e Stefano Reali, con ultimo appuntamento che vede la partecipazione di Max Maglione il 25 ottobre. Ognuno di loro sarà accompagnato dalle proprie band che ai racconti alterneranno musiche e canzoni in una location come Villa Celimontana, da sempre spazio ideale per la cultura. Oltre ad ascoltare i concerti si potrà mangiare, bere e imparare qualcosa di nuovo in questi appuntamenti domenicali. Questo primo appuntamento è con Stefano Reali e avrà come centro due figure chiave come George Gershwin e Cole Porter, ovvero i più grandi autori di canzoni d’amore di tutto il ‘900. Due musicisti da considerarsi senza dubbio tra i compositori più famosi e fortunati di quel periodo, che hanno avuto una vita appassionante come le loro canzoni. Hanno segnato un’epoca e continueranno a “segnare” nel futuro un certo modo di cantare l’amore visto che le loro canzoni continuano ad essere eseguite con successo anche a molti anni di distanza dalla loro morte. Domenica 6 settembre l’appuntamento è con il concerto “Bevo solo Rock ‘n Roll” dei Four Vegas. Four Vegas è una band che indelebilmente e definitivamente vi farà rivivere le magiche ed indimenticabili atmosfere degli anni ’50 e ’60 con un repertorio che lascerà pieno spazio alle emozioni ed ai ricordi facendo rimanere gli spettatori senza fiato grazie ad uno show con un repertorio adatto a tutte le età. Verrete catapultati indietro nel tempo in viaggio nella storia e nel costume di uno dei periodi più belli, spensierati e musicalmente fervidi che ha favorito la nascita del Rock and Roll, del Twist e del Beat. Attiva dal 1999 la band Four Vegas è apparsa in molte trasmissioni televisive delle reti Rai (compresa Rai International), Mediaset e Sky Vivo Canale 109. Ha partecipato ad importanti festival di caratura mondiale come Umbria Jazz (in quattro edizioni) ed ha all’attivo 4 cd di cui uno composto da brani originali in italiano. Grease Party è il nome del loro travolgente show basato sull’interazione con il pubblico e l’esecuzione di divertenti gag e che prevede anche brani tratti da colonne sonore cult come Grease, Happy Days, The Blues Brothers, Footloose. Il repertorio spazia dal Rock and Roll al Twist, dal Country alle dolci ballads fino ai grandi classici italiani degli anni ’60. Elvis Presley, The Beatles, Dean Martin, Jerry Lee Lewis, Chuck Berry, Beach Boys, Ray Charles sono solo alcuni degli artisti stranieri dai quali la band attinge a piene mani per il suo repertorio al fulmicotone, senza dimenticare i nostri Adriano Celentano, The Rockes, Mal, Gianni Morandi, Rita Pavone, Caterina Caselli e molti altri. Nel 2008 è stato pubblicato il cd “Viva Four Vegas” presentato da Maurizio Costanzo su Canale 5 e da Dario Salvatori nella trasmissione Rai “Radio Scrigno” in onda su Radio Uno. Nel 2010 è uscito il secondo cd “Gli Originali” composto da 12 canzoni in italiano scritte dai Four Vegas e trasmesso da molte radio in tutta Italia. Nel 2011 è uscito il terzo cd “I Soliti Four Vegas”, una raccolta di 18 grandi successi di Rock and Roll. Nel 2014 è uscito il quarto cd “Greatest Hits”, 20 grandi successi scelti in base alle richieste dei loro fans. Line-up: Al Bianchi, voce; Valerio Bulzoni, tastiera – voce; Fabio Taddeo, chitarra; Manuel Mele, basso – voce; Gino Ferrara, batteria.

immagine di repertorio – fonte ufficio stampa village celimontana

Author: Simone Sperduto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *